Siena, giovedì 26 novembre 2015 - Il Blog di Quelli di ZEd - Quelli di ZEd

Vai ai contenuti

Menu principale:

Siena, giovedì 26 novembre 2015

Pubblicato da Quelli di ZEd in Eventi · 26/11/2015 18:30:09



Giovedì 26 Novembre 2015 alle 18:30 presso la Libreria Mondadori di Siena, Via Montanini 112:

Ivan Nannini e Annalisa Coppolaro presentano il loro nuovo libro nato da una speciale , particolare collaborazione stilistica tra elementi e ispirazioni diverse, presso la Libreria Mondadori, nel centro di Siena. Presenteranno il libro Stefania Pianigiani, scrittrice e blogger, e Massimo Pianigiani, scrittore e editore. Durante la serata vi sarà occasione di discutere sui temi dell'amicizia, della passione, della scrittura, delle ossessioni quotidiane, della lucida follia, dell'amore in molte forme: amore per gli amici, per i figli, per il proprio cane, tutti temi che il libro affronta da due punti di vista, soprattutto nel racconto centrale, ''Casualmente''. Una storia sospesa tra erotismo e noir, in una notte di pioggia, osservata da due punti di vista, quello del personaggio maschile e quello del personaggio femminile, in una continua alternanza di elementi difformi e contrastanti. Seguirà un aperitivo. Non mancate.

Il libro:

Racconti da non pubblicare nasce ''casualmente'' ed è rappresentato dal racconto a quattro mani che porta questo titolo e che oscilla tra erotismo e noir. Un episodio drammatico in mezzo alla notte, in cui si confrontano il ''personaggio maschile'' e il''personaggio femminile'' che osservano e vivono questa lunga notte da due prospettive diverse. Accanto a questo, quattro racconti lunghi di Annalisa Coppolaro e Ivan Nannini che spaziano su temi diversi: il desiderio, l'amore, la solitudine, l'amicizia, l'erotismo, la violenza, la mancanza, la lucida follia. Storie nate da corde interiori intime e autentiche, narrate scavando dentro se stessi con un processo non sempre facile e spesso molto insolito. Un libro che nasce dall'incontro tra due personalità, due stili, due storie e due formazioni diversissime che però insieme, in un intenso gioco di contrasti, si completano dando luogo a un'opera inaspettatamente originale e viva.




Bookmark and Share

Torna ai contenuti | Torna al menu