Oggi presentiamo il libro di Francesco Tranquilli “Dopo un breve sonno”. Finalista alla Quarta Edizione del Premio “1 Giallo x 1000”, pubblicato dalla 0111 Edizioni il 28 gennaio 2022.

Trama del libro: Daniele, di quattro anni, è scomparso un anno fa. Forse rapito, forse perso. Sua madre, Alice, completamente sola dopo l’abbandono di suo marito, torna nel paese della sua infanzia, dove tutto è iniziato e finito. Durante la sua prima notte in albergo, Daniele ricompare. Sembra sano, ma non ricorda nulla. Alice inizia un’angosciante ricerca per ricostruire l’accaduto, ma nessuno sembra volerla o poterla aiutare. A parte Bruno, un quasi amore di gioventù, che però è  più interessato a lei che alla verità sul bambino. E Carla, una giovane psicologa, che è l’unica a comprendere il suo bisogno di sapere, e sembra fare di tutto per aiutarla. Superando reticenze, ambiguità e soprattutto le proprie paure, Alice arriverà a conoscere la triste realtà, svelando anche il mistero in cui è immerso l’intero paese. Ma scoprirà anche la verità su di sé, e la pagherà ad altissimo prezzo.

Allora Francesco parliamo un po’ del tuo libro, spiegaci com’è nata l’idea per questa storia e svelaci alcune curiosità legate alla trama.

Lo so che lo dicono tutti, lo so che può sembrare un espediente per aumentare la curiosità, ma sulla trama davvero non si può dire nulla. Già scrivere la quarta di copertina è stato un gioco di equilibri fra allusioni e ambiguità. Posso dire che il romanzo è scritto alla prima persona femminile; inoltre, siccome tratta soprattutto (ma non solo) dell’amore sovrumano di una donna per il proprio figlio, sicuramente moltissime madri si sentiranno coinvolte direttamente. L’idea è venuta una mattina d’estate come quella in cui la storia inizia; il libro è stato scritto di getto in quattro mesi e poi rivisto almeno dieci volte. L’ultima poco prima di andare in stampa.

Hai dovuto lavorare molto per scriverlo, fare ricerche o informarti per questioni più tecniche?

Siccome una delle protagoniste è una psicologa, ho avuto come consulente una vera psicoterapeuta che mi ha guidato nel rendere plausibili e tecnicamente corretti alcuni passaggi. Per quanto riguarda l’ambientazione, ho iniziato la stesura dopo aver visitato la Città sotterranea di Camerano, in provincia di Ancona, un luogo di una suggestione davvero unica. Posso dire che dopo questa visita ho capito come il romanzo doveva finire. Il resto della storia si svolge in un paese collinare delle Marche che affaccia sul mare. Da noi ce ne sono tanti, che sembrano immersi in una calma immutabile. Sembrano.

L’idea del titolo com’è nata?

Il titolo viene da una poesia di John Donne, il grande poeta metafisico inglese. La frase “One short sleep past” appartiene a una poesia intitolata Death be not proud, che viene riportata nel libro. Ma anche qui, di più non posso dire senza svelare troppo.

Raccontaci in breve qualcosa di te, chi è Francesco nel quotidiano?

Nel quotidiano, io ho tanti alter ego: uno fa il regista e l’attore, il secondo scrive, il terzo è un ruvido professore che si fa chiamare “Paolo Parigi”… Tutte queste anime – e altre – si ritrovano nell’Associazione MultiCulturale VisionAria che presiedo, spalleggiato da alcune (poche) persone amiche in carne e ossa, fedeli e visionarie come me. Ciò che ci accomuna è la necessità di emozionarci e emozionare.

Di seguito indichiamo alcuni link d’acquisto utili per reperire il libro, sia in formato cartaceo che ebook, segnalando come sempre lo store online La banda del book che offre uno sconto sulla versione cartacea.

La banda del book

Amazon

Ibs

Bene, caro Francesco, vuoi segnalarci dei contatti social in cui i nostri lettori possono seguirti e contattarti?

Il mio profilo Facebook e la pagina della nostra associazione.

Ringraziamo Francesco per essere stato con noi e averci presentato il suo libro “Dopo un breve sonno”.

 Per leggere un’anteprima del libro “Dopo un breve sonno”, clicca qui:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.